Then: Realising You Have a Ton of Things to Do, and Very Little Time to Do Them — Pt. 1

Then: Realising You Have a Ton of Things to Do, and Very Little Time to Do Them — Pt. 1

A thermos of hot coffee does help on a windy September Sunday in a Holloway car boo sale

So there I was with a one way ticket to Malawi and a vague plan of helping out in a school — something which I didn’t know whether I was any good at, but thought would be fun and rewarding, based on the little work I had done with children in the Jungle refugee camp in Calais.

I started telling friends and family that I’d bought the ticket, it was a done deal and I was really going — much as I got a card from my colleague the last day at work saying I could still change my mind and they wouldn’t make fun of me (!)

Far from changing my mind, I made a spreadsheet to sort it all out, featuring three tabs called: Shit to Do, Shit to Buy, and Shit to Sell.

The first tab turned out to be incredibly boring, and included grown up things like:

  1. Tell bank I’m going to be abroad for a long time, and please don’t block my card even though you clearly don’t trust me with my own money, as the fact you haven’t given me a contactless card in seven years shows (still not ticked at the moment of writing, as the NatWest website seems to have broken up for Christmas too)
  2. Cancel direct debits of rent and bills
  3. Advertise my lovely room in trendy E5 (still not filled btw, in case anyone reading this who’s not my parents — if there is such a person — is interested)

The second tab was worryingly much longer than the last one, something which broke my heart and bank balance, and included buying exciting things such as:

  1. A 60L backpack
  2. Sleeping bag & mat
  3. A mosquito net
  4. Hiking boots (feet are still the most widespread means of transportation)
  5. Waterproofs (going in the rainy season)
  6. A water bottle, head torch, power banks and all sorts of small gadgets
  7. A good camera to take pictures for my blog (which means you need to keep reading this until at least when I get there so you can see them)
  8. A preposterous amount of medical supplies, including diarrhoea relief, indigestion relief, constipation relief, insect bite relief, anything-you-can-possibly-think-of-relief; and feminine stuff like cystitis relief and thrush medication, which are pretty hard to find — the beauty of being a woman.

Last but not least, the meagre Shit to Sell tab resulted in a few hundred quid worth of stuff I got rid of, through a combination of overly long and chilly car boot sales, interminable auctions on eBay and Shpock, and one embarrassingly long session at Cex, where I stood for half an hour watching the guy scanning in over 30 DVDs, which I sold for the glorious amount of £4.71.

A thermos of hot coffee does help on a windy September Sunday in a Holloway car boo sale
A thermos of hot coffee does help on a windy September Sunday in a Holloway car boo sale

Having been to Malawi and other African countries before, I was quite sure of myself, safe in the knowledge that I knew all about different kinds of malaria tablets, vaccinations, visas and what not.

For malaria, Malarone was out of the question because it would cost a silly amount of money for the (kinda unknown) amount of time I was thinking of going; I was going to be around children, so I thought better not get potential hallucinations from Lariam; so the obvious choice was Doxycycline, a cheap and cheerful alternative which might, at worst, get you sunburnt.

Thinking I was being clever, and sure my Italian olive skin would help, I resorted to what I thought would be the easy solution of buying vast amounts of sun cream, which I’ve been told doesn’t exist in Malawi. So I confidently strode into Boots in Hackney Central and demanded factor 35 suntan lotion — on 15th December.

The shopping assistant looked at me with a confused look and a pitiful smile — tip No 1: even though it’s summer somewhere else in the world, don’t assume Boots or Superdrug or Tesco or Asda will know it.

Onto vaccinations — luckily I just had to get boosters of the usual suspects: Hep A, Diphtheria/Tetanus/Polio, Typhoid, as I’d had them and Yellow Fever a few years before when I left Europe for the first time, precisely to go to Malawi.

Once again I walked up to a pharmacy counter and asked for these. Quite obviously the pharmacist, who didn’t know I was such an expertly well travelled young woman, insisted we have a consultation anyway. This turned out to be quite useful, as I found out rabies vaccination was also a good idea, but took three doses, 21 days and £180. Several injections, a very sore arm and a much lighter wallet later, I was all set to go.

There’s quite a few things I’ve learnt from deciding to uproot my life and move countries — the main ones are:

  1. Three vaccinations on one arm in one day is a bad idea, especially if it’s the hand you write with
  2. Over budget on everything when saving up, so that you don’t have to spend 8 hours in a car boot sale to make £60
  3. Life admin is boring and there is more of it than you might think
  4. Don’t buy too much useless stuff in life because you’ll have to get rid of it at some point — event though the process is very cathartic in itself.
  5. Packing always takes longer and you will have to do it twice because you will definitely have too much stuff in the first round — but it’s made much more fun if done in company whilst watching the Grinch on a cold winter night

Having sorted out the logistical stuff, the next thing to do was working out what I should do with about 100 12–16 year olds in Chimbota Secondary School

Stay tuned for updates, and Merry Christmas!


A seguire: Quando vi accorgete di avere una valanga di cose da fare e pochissimo tempo per farle — Parte 1.

Così eccomi là, con un biglietto di sola andata per il Malawi e un piano, appena vago, di dare una mano in una scuola — qualcosa che non ero nemmeno sicura di saper fare, ma che pensavo sarebbe stata divertente e gratificante, sulla base di quel po’ di lavoro che avevo fatto coi bambini nel campo rifugiati di Calais, detto “la Giungla”.

Cominciai col dire agli amici e alla famiglia che avevo comprato il biglietto, era fatta e partivo davvero — per quanto abbia ricevuto un biglietto dal mio collega, l’ultimo giorno di lavoro, il quale mi diceva che potevo ancora cambiare idea e non mi avrebbero preso in giro (!)

Ben lungi dal cambiar proposito, buttai giù una lista di cose da fare che si articolava in tre cartelle: Cose da fare, Cose da comprare, Cose da vendere.

La prima cartella, che si rivelò incredibilmente noiosa, comprendeva cose del genere:

  1. Comunicare alla banca che sarei stata all’estero per un lungo periodo; e per favore, non bloccate la mia carta, anche se chiaramente non vi fidate di me riguardo ai miei stessi soldi, come dimostra con chiarezza il fatto che non mi avete ancora concesso una carta contactless in ben sette anni (messaggio ancora non riscontrato al momento di scrivere, poiché il sito web della NatWest sembra essersi anche lui dileguato per Natale)
  2. Annullare le domiciliazioni dirette di affitto e bollette
  3. Mettere un annuncio per troavare qualcuno che prenda la mia adorabile cameretta in zona E5 (non ho ancora trovato nessuno, giusto in caso qualcuno che legge quest’articolo e che non sia i miei genitori — semmai una tale persona esiste — fosse interessato).

La seconda cartella era molto più lunga e preoccupante della precedente; la qual cosa mi spezzò il cuore e il conto in banca, ed includeva voci eccitanti del genere:

1. Uno zaino da 60 litri

2. Un sacco a pelo e materassino

3. Una zanzariera

4. Scarponi da escursione (i piedi sono pur sempre il più diffuso mezzo di trasporto)

5. Impermeabile (vado verso la stagione delle piogge)

6. Una borraccia termica, torcia frontale, pacchi di batterie e ogni genere di piccoli aggeggi

7. Una buona macchina fotografica per fare fotografie per il mio blog (il che vuol dire che dovrete continuare a leggerlo almeno fino a quando arrivo là, così potrete vederle)

8. Uno spropositato quantitativo di medicinali, comprendente rimedi per la diarrea, rimedi per l’indigestione, rimedi per la costipazione, rimedi per le punture d’insetti, rimedi-per-qualunque-cosa-possiate-lontanamente-immaginare; e articoli femminili vari… avete capito, no? che sono un bel po’ difficili da trovare là — il bello di essere donna.

Ultima, ma non per importanza, la scarna tabella Cose da Vendere ebbe per risultato roba per un valore di alcune centinaia di sterline della quale mi sono sbarazzata, mediante una combinazione di lunghe e rigide vendite presso mercatini dell’usato all’aperto, interminabili aste su eBay e Shpock; nonché una sessione presso il Cex, tanto lunga da creare imbarazzo, dove sono rimasta in piedi per mezzora a guardare il tizio che faceva la scansione di oltre trenta DVD, venduti per il magnifico ricavato di 4,71 £!

Essendo già stata in Malawi e in altri Paesi africani, ero ben sicura di me stessa e certa delle mie conoscenze riguardo ai diversi generi di pillole per la malaria, vaccinazioni, visti e tutto il resto.

Per la malaria, Malarone era fuori discussione, perché sarebbe costato una cifra folle per il (piuttosto incerto) periodo di tempo che intendevo restare. Sarei stata a contatto con bambini, quindi mi è sembrato meglio non trovarmi le possibili allucinazioni procurate dal Lariam. Così la scelta obbligata era la Doxyciclina, una brillante alternativa a buon mercato che, alla peggio, potrebbe farti trovare scottato dal sole.

Pensando di essere in gamba, e sicura che il mio colorito olivastro italiano mi avrebbe aiutato, feci ricorso a quella che pensavo essere la facile soluzione di comprare enormi quantitativi di crema solare, che mi è stato detto non esiste in Malawi. Così entrai fiduciosa da Boots a Hackney Central, chiedendo una lozione solare a fattore di protezione 35 — il 15 di dicembre.

La commessa mi guardò con aria confusa e un sorriso di compassione — suggerimento n° 1: anche se ci si trova in estate da qualche altra parte nel mondo, non date per scontato che da Boots, Superdrug, Tesco o Asda (catene di supermercati, n.d.r.) lo sappiano.

Avanti con le vaccinazioni — fortunatamente dovevo solo fare dei richiami per i soliti rischi: Epatite A, Difterite/Tetano/Polio, Tifo, dato che li avevo già fatti, insieme a quello per la Febbre Gialla, alcuni anni addietro quando lasciai l’Europa per la prima volta, per andare appunto in Malawi.

Ancora una volta, mi recai al banco di una farmacia e chiesi di questi prodotti. Abbastanza prevedibilmente il farmacista, che non sapeva che io fossi una tal esperta viaggiatrice, seppur giovane donna, insistette che mi consultassi comunque con lo specialista. Il che risultò piuttosto utile, poiché mi fece scoprire che anche l’antirabbica era una buona idea; ma ci sono volute tre dosi, ventuno giorni e 180 £. Parecchie iniezioni più avanti, con un braccio gonfio e un portafoglio molto più leggero, ero tutta pronta ad andare.

C’è un certo numero di cose che ho imparato dalla decisione di buttare all’aria la mia vita e cambiare paese — le principali sono:

1. Tre vaccinazioni sullo stesso braccio in un solo giorno sono una cattiva idea, specialmente se si tratta della mano con cui scrivete.

2. Sovrastimate tutto quando risparmiate per il futuro, così non dovrete passare otto ore in un mercatino all’aperto per racimolare 60 £.

3. Gli aspetti amministrativi della vita sono noiosi, e ne esistono più di quanti possiate immaginare.

4. Non comprate troppa roba inutile durante la vita, perché ad un certo punto ve ne dovrete sbarazzare — sebbene il processo stesso sia catartico.

5. Fare i bagagli richiede più tempo, e lo dovrete fare almeno due volte perché vi troverete decisamente con troppa roba dopo il primo giro — ma è molto più divertente se è fatto in compagnia, mentre guardate il Grinch, in una fredda sera invernale.

Sistemata tutta la logistica, il prossimo passo era studiare cosa avrei dovuto fare con un centinaio di ragazzini dai 12 ai 16 anni alla Scuola Secondaria di Chimbota…

Restate sintonizzati per gli aggiornamenti, e Buon Natale!

Did you enjoy my writing? Share it!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *