Some Kind of Heaven, vol. I

Having found myself at the end of my wonderful experience volunteering at Chimbota Secondary School, and with a few spare days before having to head south to my newfound job in Mulanje, I decided to brave the indomitable waters of Lake Malawi and boarded the Ilala ferry heading northward to Rwarwe and Usisya, two gems I’d heard much about but hadn’t been able to visit so far due to the terrible ferry schedule.

In keeping with the sometimes illogical nature of Malawian business, at the moment there is only one ferry which travels the whole length of Lake Malawi, over the course of one week. This means that, any place you want to go to you will be stuck on for a week, unless you make your way back on local boats.

By “local boats” I mean a vast range of one or two deck wooden boats accommodating anything between 50 and 150 people. Some of them, like the Fumbani and Lamani, are fairly reliable and, provided you don’t mind sitting for anything between 6 and 12 hours next to an enormous pile of dried fish, negotiating the sometimes rough waves of the lake, then you’ll be fine.

Others… Well. I wouldn’t risk my life, put it that way.

So I embarked on the Ilala ferry on Sunday morning at 4.30am, ready for a 5am sharp departure. And sure enough at 5am the ferry blew its loud siren and off we went into the darkness. The Ilala is actually really wonderful. It has three decks, including a fantastic, open-top one for a slightly more expensive fare (5000 compared to 2300 kwacha, or else £5 compared to £2.30), where you can gaze at the vastness of the lake and take in the stunning mountainous landscape going north.

Travelling at dawn was great — the sunrise was spectacular, and, as the ferry was not too busy, I was able to enjoy the views, then stretch on a bench and have a nice nap. The only mzungu in sight, when I opened my eyes again, quite a crowd had gathered around me: “Are you OK?” a man said. “Are you feeling sick? Where do you need to go?” I replied I was absolutely fine and that I was going to Rwarwe, and thought how wonderful it is that people would see a young girl alone lying on a bench on a ferry rocking and rolling on the lake, thought she might need help and spoke to her. When my friend fainted on the tube in London, she had to wait for a policeman to rescue her because no one stopped to check if she needed help…

The journey was really quick and fairly comfortable, though getting off the Ilala was a different story. There are no jetties anywhere (of course, why would you build one in a touristic location serviced by a massive ferry), so passengers need to climb down the side of the ferry into a 22 (read 35, plus cargo) people lifeboat, which takes you to the shore. There, locals offer to carry you a couple of metres on their shoulders for 100 kwacha (10p) so you don’t get wet.

As that made me feel like a colonial mistress being carried on a stretcher by their slave, I refused and rather arrogantly judged I could jump from the boat to a spot where the water was knee-high. Of course I forgot sand gives in to weight, so I very embarrassingly ended up in water up to my bum. Well done for being a strong, independent woman.

Luckily I managed to save my phone and camera, and, having made a fool of myself, was immediately spotted by Limbani who had been sent by Zulunkhuni River Lodge to pick me up on a little rocking boat and take me to the lodge, a service which spared me a good twenty-five minute walk in soggy trousers through Rwarwe village.

Zulunkhuni is a place of wild beauty. It’s so well incorporated in the jungly landscape that you can hardly make it out when you approach from the water. The chalets are surrounded by vegetation and the bar itself has been carved out of the rock. Unlike other lodges, it has no gates or fences, which means people from surrounding villages walk past the lodge — a testament to how well seen and appreciated in the community the lodge is. When I got there I was greeted by Anneke and Hartmut, currently managing it, and their two lovely daughters Doris and Sophie.

Anneke showed me to the dorm and recommended the best bed to pick for sunrise view, then I was left to an idyllic afternoon of swimming in the lake, sunbathing and listening to the Rwarwe river cascading down into the lake with a constant, somewhat meditative, rumble. There’s a real peaceful, almost monastic vibe to the place — it’s perfect if you want to immerse yourself in nature undisturbed and enjoy hearty home made food.

I watched the light fade away reading my book in the cosy reading corner in the bar, then had a yummy curry for dinner with the whole family and the two volunteers who were helping with Phunzira, a charity affiliated to Zulunkhuni lodge, which built a clinic and school in the village of Rwarwe, and has been providing much needed services to the whole community.

Sadly I didn’t have time to do any of the local hikes, including a walk up to a 40m tall waterfall and waterslide, but I was given the warmest welcome and, in the space of an afternoon and an evening, I felt like an integral part of the family.

The following morning I looked at a truly spectacular sunrise from my bed (see main picture above), then set off on a five hour hike to Usisya through the Malawian countryside, with my guide Samson Chimaliro. Usisya is another beautiful spot about 20 km south of Rwarwe, also reachable by local boats that take about four hours.

After a steep climb in the first hour, the rest is pretty much level and very close to the coastline and beaches. You will walk through the tiniest, most typical fishing villages along the shores of the lake, watching fishermen fixing nets or pulling them in from the water to assess the night’s catch. You will cross hillside fields of cassava, swinging gently in the breeze, and you’ll be able to stop at a few isolated shops to grab a cold drink.

There isn’t much food on the way though, so I was really glad to have stocked up on ground nuts, mandasi, bananas and water. Samson and I had a nice lunch break under the cool shade of a mango tree, which followed a quick dip in the lake — Samson respectfully looked the other way while I splashed around in the water like an over-excited five year old!

Although the walk was stunning, the most amazing part of it was Samson himself. He is a never-ending source of stories of local people, as well as hikers he has accompanied in the past. He remembers name, surname and country of origin of everyone he has walked with, and he takes a genuine pleasure in the act of hiking itself — no matter my insistence, he categorically refused I pay him for guiding me, though I managed to share some of my food and offer him a drink.

Samson is truly the most magnificent person you could spend five hours with. He’s full of a wisdom that can only stem from a life lived in simplicity, taking every day as it comes and every struggle as a chance to learn something new.

He is full of aphorisms such as “A man is rich in his head, not in his pocket” and “What a teacher writes in a student’s mind the world can’t rub off”. He has an incredibly sharp mind and his thirst for knowledge is unquenchable. Whatever book he can get his hands on he reads avidly, and that’s how he learnt about yoga, pilates and aerobics: at the end of the walk he surprised me by performing a perfect split and sitting in the lotus position!

When he delivered me safely at Usisya Eco-Lodge, he set off to walk all the way back home — what took me five hours normally takes him three!

Some Kind of Heaven, vol. II is coming out soon — stay posted!


Una sorta di Paradiso, parte I.

Visto che mi trovavo alla fine della mia meravigliosa esperienza di volontariato presso la Scuola Secondaria di Chimbota, con qualche giorno libero ancora disponibile prima di dirigermi a sud verso il nuovo lavoro appena trovato a Mulanje, decisi di affrontare coraggiosamente le indomabili acque del Lago Malawi. M’imbarcai così sul traghetto Ilala che fa rotta verso nord fino a Rwarwe e Usisya, due gemme delle quali avevo molto sentito parlare ma che non ero stata in grado di visitare fino allora a causa della tremenda tabella di navigazione del traghetto.

In linea con la natura talvolta illogica delle attività imprenditoriali del Malawi, al momento esiste un solo traghetto che naviga per l’intera lunghezza del Lago Malawi nell’arco di una settimana. Questo significa che qualunque luogo vogliate raggiungere vi rimarrete inchiodati per una settimana, a meno che facciate ritorno su imbarcazioni locali.

Per “imbarcazioni locali” s’intende un ampio campionario di barche di legno, ad uno o due ponti, che imbarcano un numero variabile di persone compreso tra cinquanta e centocinquanta. Alcune di loro, come la Fumbani e la Lamani, sono piuttosto affidabili; purché non vi dia fastidio star seduti per un tempo variabile tra sei e dodici ore, vicino ad enormi mucchi di pesce essiccato, a solcare le acque talvolta agitate del lago, allora sarete a posto.
Altre… beh, non rischierei la vita; mettiamola così.

Salii quindi a bordo dell’Ilala, una domenica mattina alle 4.30, pronta per la partenza alle 5.00. E abbastanza puntualmente, mezz’ora dopo il traghetto lanciò il fischio fragoroso della sua sirena e salpammo nell’oscurità. L’Ilala è davvero stupendo. Ha tre ponti, compreso uno fantastico all’aperto per una tariffa leggermente maggiore (cinquemila kwacha invece di tremila, vale a dire €6 invece di €3,5 circa), dal quale potete far spaziare lo sguardo sulla vastità del lago e godervi lo sbalorditivo paesaggio montuoso verso il nord.

Viaggiare all’alba è stato magnifico — il sorgere del sole è stato uno spettacolo, e dato che il traghetto non era particolarmente affollato sono riuscita a godermi la vista; poi mi sono stesa su una panca e ho fatto un pisolino. Come unica mzungu (bianca) in vista, quando ho riaperto gli occhi una piccola folla si era radunata intorno a me: “Stai bene?” chiese un uomo. “Hai la nausea? Dove devi andare?” Risposi che stavo assolutamente bene e che andavo a Rwarwe, riflettendo su che meraviglia fosse il fatto che la gente vedesse una giovane donna da sola, stesa su una panca su un traghetto beccheggiante e rollante sul lago, pensasse che poteva aver bisogno d’aiuto e le parlasse. Quando una mia amica svenne nella metropolitana a Londra dovette aspettare che un poliziotto la soccorresse, perché nessuno si era fermato a controllare se per caso avesse bisogno d’aiuto…

Il viaggio fu veloce e abbastanza confortevole, sebbene scendere dall’Ilala si rivelò una faccenda ben diversa. Non esistono moli da nessuna parte (naturalmente: perché mai se ne dovrebbe costruire uno in una località turistica servita da un traghetto di grandi dimensioni?), così i passeggeri devono calarsi lungo la fiancata della nave in una scialuppa di salvataggio da ventidue persone (ovvero trentacinque, più il carico commerciale), che vi porta in prossimità della riva. Giunti là, i locali vi offrono di portarvi in spalla un paio di metri per evitare di bagnarvi, al costo di cento kwacha (dodici centesimi di Euro).

Rifiutai, poiché questo mi faceva sentire una specie di “padrona” coloniale che si fa portare sulla lettiga dai suoi schiavi, e con una certa presunzione stimai che potevo saltare dalla barca in un punto in cui l’acqua arrivava alle ginocchia. Naturalmente trascurai il fatto che la sabbia cede sotto il peso, così finii con imbarazzo nell’acqua fino al fondoschiena. Ben fatto, per essere una giovane donna forte e indipendente.

Per fortuna riuscii a salvare il telefono e la macchina fotografica. Essendomi resa ridicola davanti a tutti, fui immediatamente individuata da Limbani, che lo Zulunkhuni River Lodge aveva mandato a ricevermi per portarmi su una barchetta beccheggiante fino al villaggio turistico; un servizio che mi ha risparmiato una camminata di venticinque minuti, in pantaloni fradici, attraverso l’abitato di Rwarwe.

Zulunkhuni è un luogo dalla bellezza selvaggia. È così ben mimetizzato nel paesaggio della giungla che potete a malapena riuscire a individuarlo mentre vi avvicinate dall’acqua. Gli chalet sono circondati dalla vegetazione e il bar è scavato nella roccia stessa. A differenza di altri villaggi turistici, non ha cancelli o recinzioni, il che significa che la gente dei villaggi circostanti ci passa attraverso quando è in cammino — una prova di quanto il resort sia ben visto e apprezzato nella comunità. Al mio arrivo fui accolta da Anneke e Hartmut, gli attuali gestori, e dalle loro due amabili figlie Doris e Sophie.

Anneke mi mostrò la camerata e mi raccomandò il miglior letto per cogliere la vista dell’alba; poi fui lasciata ad un pomeriggio idilliaco di nuotate nel lago, abbronzature ed ascolto del fiume Rwarwe che si getta a cascata dentro al lago, con un rombo costante e un po’ meditativo. Il luogo trasmette una vibrazione davvero piena di pace, quasi monastica — è perfetto se volete immergervi indisturbati nella natura e godere una cucina casalinga, fatta col cuore.

Guardai la luce che svaniva mentre leggevo un libro nell’accogliente angolo di lettura del bar. Poi cenai con un appetitoso curry, insieme all’intera famiglia e ai due aiutanti volontari che prestano servizio per conto di Phunzira, un’associazione caritatevole affiliata a Zulunkhuni che ha costruito una clinica e una scuola nel villaggio di Rwarwe, fornendo servizi estremamente necessari all’intera comunità.

Purtroppo non avevo tempo per fare alcuna delle escursioni locali, che comprendono la salita fino ad una cascata alta quaranta metri e relativo scivolo d’acqua; ma mi fu dato il più caldo benvenuto e nello spazio di un pomeriggio e una serata mi sentii parte integrante della famiglia.

La mattina seguente osservai dal mio letto un’alba davvero spettacolare (guardate la fotografia grande all’inizio dell’articolo), poi m’incamminai per una scarpinata di cinque ore verso Usisya attraverso la campagna del Malawi, con la mia guida Samson Chimaliro. Usisya è un’altra bella località, situata circa venti chilometri a sud di Rwarwe, raggiungibile anche per mezzo di barche locali che ci mettono circa quattro ore.

Dopo una ripida salita nel corso della prima ora, il resto è piuttosto pianeggiante e molto vicino alla linea costiera e alle spiagge. Vi troverete a camminare attraverso i più minuscoli e tipici villaggi lungo la riva del lago, osservando i pescatori che riparano le reti o le ritirano dall’acqua per scoprire la quantità di pescato della notte. Lungo i pendii delle colline attraverserete campi di manioca, dolcemente ondeggiante sotto la brezza, e potrete fermarvi in qualche negozio isolato per procurarvi una bevanda fredda.

Tuttavia non si trova molto cibo lungo il percorso; così fui davvero felice di aver fatto provvista di arachidi, mandasi, banane ed acqua. Samson ed io ci fermammo per una piacevole pausa pranzo sotto l’ombra fresca di un albero di mango, subito dopo un veloce tuffo nel lago — Samson si voltò rispettosamente dall’altra parte mentre io facevo spruzzi nell’acqua come una bambina di cinque anni super eccitata!

Sebbene la passeggiata sia stata sbalorditiva, lo stesso Samson è stato l’aspetto più sorprendente. È una fonte inesauribile di storie sulla gente locale, nonché sugli escursionisti che ha accompagnato in passato. Ricorda il nome, il cognome e il paese d’origine di ciascuno di quelli con cui ha camminato, e trae un autentico piacere dal semplice atto di camminare — per quanto abbia insistito, ha rifiutato categoricamente che lo pagassi per avermi fatto da guida; sono soltanto riuscita a fargli condividere un poco del mio cibo e ad offrirgli una bevanda.

Samson è davvero la migliore persona con la quale trascorrere cinque ore. È ricco di saggezza, come solo può scaturire da una vita vissuta in semplicità, prendendo ogni giorno come viene ed ogni sforzo come un’occasione per imparare qualcosa di nuovo.

È pieno di aforismi come: “Un uomo è ricco nella propria testa, non nella propria tasca” e “Quel che un insegnante scrive nella mente di uno studente, il mondo intero non lo può cancellare”. Possiede una mente incredibilmente acuta e la sua sete di conoscenza è insaziabile. Legge avidamente qualunque libro sul quale possa mettere le mani, ed è così che ha appreso lo yoga, il pilates e l’aerobica: al termine della nostra camminata mi ha sorpreso eseguendo una perfetta spaccata e sedendo nella posizione del loto!

Dopo avermi consegnata sana e salva all’Usisya Eco-Lodge, si mise in cammino per rifare tutta la strada indietro verso casa — quel che mi ha preso cinque ore, lui normalmente lo fa in tre!

La seconda parte di Una sorta di Paradiso uscirà presto — restate in contatto!

Did you enjoy my writing? Share it!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *