Kalambwe Disability Forum

I might be living in one of the poorest countries in the world, in a remote village with no running water or mains power, but I still love jewellery.

So when I first spotted earrings and bracelets and necklaces dangling and shining in the midday sun, I obviously had to stop — which is how I met Chabwela and Sekani.

Reggae music coming softly out of a small speaker and the sharp noise of a blade scraping on metal are the sounds of Chabwela and Sekani’s shop, by far the most skilled jewellers and wood carvers in the bay.

Chabwela has been making jewellery for a couple of years now, working with copper, brass and aluminium, melting recycled bits of pipes and old coins and shaping them to his fancy or the customers’ taste.

“I find inspiration for my designs in other people’s jewellery, or sometimes I make up my own, looking at what’s around in Malawi — animals, like elephants and rhinos, or else the rising sun of the Malawian flag.”

After coming back to the shop a million times to commission a ring, a bracelet, a pair of earrings, oh and why not?, a necklace, I started becoming quite curious about the sign for the Kalambwe Disability Forum, which is always displayed outside the shop.

I asked Chabwela one day and it turns out that the Kalambwe Disability Forum is actually a fully set-up charity project with a Facebook page, a CEO, and funding from Belgium, helping out over 80 disabled people in Nkhata Bay.

Chabwela and his brother Sekani founded the group in 2015, moved by a desire to help people who consider themselves to have a disability, either a learning, physical or mental one.

One of their uncles is deaf, so they decided to learn sign language, which in turn prompted them to look around themselves and notice the terrible indifference, or worse stigma, that disable people face everyday.

It is still widely believed that any kind of disability makes a person useless to the community, which deprives less able people of any rights or help. “But it’s not true! Someone might have no legs but strong arms, others might be blind but can smell you in the dark — we help people find the ability in their disability.”

Needless to say, there isn’t much of a public structure in place to provide help and support, and the few organisations which exist often don’t even employ people with a disability. But not Kalambwe Disability Group — the CEO himself is a wheelchair user (and incidentally makes awesome chair s and hammocks!)

Kalambwe offers workshops and classes in various skills, like sawing, welding, beading and jewellery making; they then sell the handmade items and put all profit back into the group. Most importantly, each new member is first asked about their aspirations, skills and strengths: “We never assume someone can or can’t do something, but ask them what their interests are and empower them to choose and make their own path.”

Every day at 2pm, people can come to learn new skills or practice existing ones, and every Wednesday afternoon the group committee meets to discuss any issues, plans for the future, finances, etc. All service users are welcome to take part in the meeting, and voice their opinions, give feedback and raise issues. Naturally, the meetings are translated into sign language by Sekani or Chabwela — this strengthens the group spirit and makes the project very inclusive: “You can’t fight alone — being in a group gives everyone courage.”

If someone has a serious disability which means they can’t attend the classes, or they are too young to do so, a volunteer can be elected to take the classes for them, and then any money made from the sale of their items is given to the person who was not able to participate directly. That’s the case for Ama Welenji, who volunteers for her grand-daughter Miracle, a four year old deaf girl; or Ama Agnes, who volunteers for her albino son Dan, who has learning disabilities. When possible, the group also does home visits for those people who can’t attend the meetings and don’t have anyone to volunteer for them.

The project is entirely free for its service users, and is supported financially by their “friends in Belgium”, as Chabwela and Sekani like to call them.

Aline, a Belgian girl who happened to be on holiday in Nkhata Bay some time back, found out about the project and was inspired to help out when she got back to Belgium. Through her, Kalambwe has now been connected to Ubuntu, a Belgian organisation which helps financially, as well as spreading the word with other organisations and schools.

Sekani has just come back from a three month tour around Belgium (his first trip outside Malawi!), visiting schools to talk about their work, and running small workshops for the children, including how to properly wrap a chitenje around your waist so it doesn’t fall at every step (turst me, it’s more difficult than it seems!)

Sekani and Chabwela have many plans for the future, including expanding into more skills like carpentry, and building a house for boarders, where people can find free accommodation if they need it, while attending or teaching classes and workshops.

They would also like to set up workshops for tourists, which would help fund the rest of the work, and eventually build branches in nearby villages, where people who have a disability are often left to fend for themselves due to lack of resources or cultural misunderstanding.

Sekani and Chabwela’s passion and determination exude from everything they say and do: “We want to be known in the whole world, so people can visit, see the work we’re doing, and hopefully change their minds about disability.”


Kalambwe Disability Forum

Potrò anche vivere in uno dei Paesi più poveri del mondo, in un villaggio sperduto privo d’acqua corrente e di elettricità — ma questo non impedisce che io vada matta per la bigiotteria.

Così, quando notai per la prima volta orecchini, braccialetti e collane che dondolavano e luccicavano al sole di mezzogiorno, ovviamente mi dovetti fermare : ecco come ho conosciuto Chabwela e Sekani.

La musica reggae emessa dolcemente da un piccolo altoparlante e il suono secco di una lama che raschia il metallo sono i suoni caratteristici del negozio di Chabwela e Sekani, di gran lunga i più abili gioiellieri e intagliatori di legno in tutta la baia.

Sono ormai un paio d’anni che Chabwela produce articoli di gioielleria; lavora il rame, l’ottone e l’alluminio, fondendo pezzi di tubo riciclati e vecchie monete ai quali dà nuova forma secondo il proprio gusto o quello dei suoi clienti.

“Trovo ispirazione per i miei modelli nella gioielleria di altri, o talvolta ne creo di miei guardando ciò che mi circonda in Malawi : animali, come gli elefanti e i rinoceronti, oppure il sole che sorge nella bandiera del Malawi.”

Dopo esser tornata al negozio mille volte per ordinare un anello, un braccialetto, un paio d’orecchini, oh e perché no? una collana, cominciai ad incuriosirmi riguardo all’insegna del Kalambwe Disability Forum, sempre esposto all’esterno del negozio.

Un giorno chiesi a Chabwela, e venne fuori che il Kalambwe Disability Forum è in realtà un progetto di beneficenza ben strutturato, con una pagina Facebook, un AD (Amministratore Delegato) e finanziamenti che provengono dal Belgio; il progetto aiuta più di ottanta persone disabili di Nkhata Bay.

Chabwela e suo fratello Sekani fondarono il gruppo nel 2015, mossi dal desiderio di aiutare le persone con disabilità, siano esse dell’apprendimento, fisiche o mentali. Un loro zio è sordo, così decisero di imparare il linguaggio dei segni, la qual cosa a sua volta li spinse a guardarsi intorno e accorgersi della terribile indifferenza e del marchio che le persone disabili fronteggiano ogni giorno.

È ancora convinzione diffusa che qualunque forma di inabilità renda una persona inutile per la comunità, il che priva ogni persona disabile di qualunque diritto o aiuto. “Ma non è vero! Uno potrebbe non avere le gambe ma avere braccia molto forti, altri potrebbero essere ciechi ma ti possono fiutare nell’oscurità — noi aiutiamo la gente a trovare un’abilità nella propria inabilità.”

Sfortunatamente non esiste sul posto una qualche struttura pubblica che fornisca aiuto o sostegno, e le poche organizzazioni esistenti spesso non impiegano nemmeno persone con una forma d’inabilità. Ma non il Kalambwe Disability Forum: lo stesso AD usa una sedia a rotelle (e, detto per inciso, fabbrica eccellenti sedie e amache!)

Kalambwe offre laboratori e corsi in varie tecniche, come il taglio, la saldatura, l’ornatura con perline e la fabbricazione di gioielli; gli articoli fatti a mano vengono poi venduti, e l’intero profitto riversato nel gruppo. Cosa di grande importanza, a ciascun nuovo membro si chiede per prima cosa quali siano le sue aspirazioni, abilità e forze: “Non diamo mai per scontato che qualcuno sappia o non sappia fare qualcosa, ma gli chiediamo quali siano i suoi interessi e lo sproniamo a scegliere e seguire il proprio percorso.”

Ogni giorno, alle 14.00, la gente può venire ad imparare nuove specializzazioni o praticare quelle già conosciute; ed ogni mercoledì pomeriggio il comitato di gruppo si riunisce per discutere di ogni argomento, dei programmi per il futuro, di aspetti finanziari e altro. Tutti gli utenti del servizio sono benvenuti se vogliono prender parte alle riunioni e dar voce alle proprie opinioni, fornire commenti e sollevare nuovi temi. Gli incontri sono tradotti nel linguaggio dei segni da Sekani o da Chabwela — questo rafforza lo spirito di gruppo e rende il progetto molto inclusivo: “Non puoi combattere da solo : far parte di un gruppo dà coraggio a ciascuno di noi.” mi spiega Sekani.

Se qualcuno ha un’invalidità grave, tale da non poter frequentare i corsi, o è troppo giovane per farlo, può essere designato un volontario a partecipare ai corsi per conto di tale persona; in quel caso, tutto il denaro ricavato dalla vendita dei suoi articoli sarà dato alla persona che non è stata in grado di partecipare direttamente. Questo è il caso di Ama Welenji, che si presta volontariamente per conto della nipote Miracle, una bambina sorda di quattro anni; o di Ama Agnes, che fa volontariato per il proprio figlio albino Dan, il quale ha difficoltà d’apprendimento. Quando è possibile, il gruppo fa anche visite a domicilio per le persone che non possono frequentare le riunioni e non hanno alcuno che possa offrirsi volontario per loro.

Il progetto è completamente gratuito per gli utenti, ed è sostenuto finanziariamente dai loro “amici in Belgio”, come Chabwela e Sekani amano chiamarli.

Aline, una ragazza belga che si trovava in vacanza a Nkhata Bay qualche tempo addietro, seppe del progetto e quando tornò in Belgio si sentì ispirata a dare una mano. A seguito del suo interessamento, Kalambwe è adesso collegata ad Ubuntu, un’organizzazione belga che fornisce aiuti finanziari, oltre a spargere la voce con altre organizzazioni e scuole.

Sekani è appena tornato da un giro di tre mesi attraverso il Belgio (il suo primo viaggio fuori dal Malawi!), durante il quale ha visitato molte scuole per parlare del proprio lavoro e tenere seminari per bambini, compreso uno su come avvolgere correttamente un chitenje (stoffe locali) intorno alla vita in modo che non cada ad ogni passo che fate (credetemi, è più difficile di quanto possa sembrare!)

Sekani e Chabwela hanno molti programmi per il futuro, tra cui quello di espandersi verso altre specializzazioni quali la falegnameria, nonché la costruzione di una casa per pensionanti dove la gente possa trovare alloggio gratuito, se ne ha bisogno mentre frequenta i corsi e i seminari o li tiene come docente.

Gli piacerebbe anche istituire seminari per i turisti, per aiutare a raccogliere fondi per il resto dell’opera, e magari impiantare sezioni distaccate in villaggi vicini, dove la gente disabile è spesso abbandonata a se stessa a causa della mancanza di risorse o per le incomprensioni culturali.

La determinazione e passione di Sekani e Chabwela emanano da tutto quello che dicono e fanno: “Vogliamo essere conosciuti nel mondo intero, in modo che la gente possa venire a trovarci, vedere il lavoro che stiamo facendo e, si spera, cambiare idea riguardo l’inabilità.”

Did you enjoy my writing? Share it!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *